influencer smm

I giovani ed i Social Network

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Facebook, OTS, SMM, Social Networks

Inutile, l’era digitale ha portato dei grossissimi vantaggi, un modo di informarsi e di apprendere che davvero diventa difficile ricordare quelli del passato, ma sembra altrettanto evidente l’arroganza e la presunzione dei nativi digitali under 20.

Noi usavamo le enciclopedie “vere”, chili e chili di libri frutto di ricerche, editori coscienziosi, ricercatori sopraffini; oggi i giovani cosa fanno? Interrogano la rete! Guardano i video di YouTube e ci stupiamo se non capiscono un cazzo di web?

instagram bot

Quello che so su BOT e Instagramers in Italia

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in BOT

Un giorno nel 2012 lo contatta un imprenditore indiano, che aveva visto il business delle tshirt, gli spiega come funzionano i BOT e gli offre di comprarne per aumentare le interazioni del suo brand. Comincia a studiarli e capire come usarli: il suo profilo personale Istagram diventa tutto BOT in breve.
Il nostro imprenditore dice che il mercato italiano non è pronto per l’Instagram business perché tutti i profili dei cosiddetti influencers e professionisti, sono pompatissimi di BOT e non convertono nulla, essendo tutte le interazioni finte.

I BOT non esistono

Eventi e raduni in Facebook, il delirio di fine anno

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in SMM, Social Networks

Ma per finire l’anno, abbiamo pensato di scegliere tra le centinaia di eventi, raduni e particolari occasioni che generano interesse, condivisione e anche un sorriso. Dopo la tornata politica, la satira senza esclusione di colpi su improbabili vittorie del PD e dell’ex Presidente del Consiglio Mattero Renzi, la clamorosa vittoria di Grillo anche al Referendum ultimo

L'OTA

OTA, la teoria del ribasso ideologico

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Editoria, Travel blogger, Web Marketing

Trivago, Booking, TripAdvisor e Google, al di là dei tassi di commissione che sono già di per sé un onere difficile da sopportare dalle attuali strutture alberghiere, una domanda fondamentale si pone: Di chi è il cliente? Degli Hotel o delle OTA?

Gli albergatori che hanno accettato di stipulare un contratto con partner online OTA, hanno la sensazione di aver messo la testa sotto la sabbia e lasciato scoperto il sedere; è infatti spesso ricorrente sentire di lamentele proprio sulle elevate commissioni che li mangia poco a poco.

Ma chi ci rimette in tutto questo fantastico sistema? La struttura alberghiera? Lo sventurato cliente? O le OTA?