Come Illudere le Persone con il Web

Come Illudere le Persone con il Web

2015-02-02 0 Di Daniele Vinci

Possiamo illudere le persone grazie al Web?

Ti rispondo sinteticamente: Se sai come fare, sì. È semplice.

Può sembrare una forzatura, ma ti assicuro che non lo è.

Hai mai visto qualche illusionista in tv?

Sì, un’illusione. Quando ti fanno vedere una cosa a cui non riesci a dare una motivazione logica.

Già! Si tratta di un’illusione quando i nostri sensi non sono in grado di comprendere un evento in maniera razionale.

Cosa c’entra il web con l’illusionismo?

Continua a leggere che te lo spiego.

Il web è una struttura e le persone che si connettono tramite il web fanno parte di questa struttura.

Lo sapevi che solo l’1% delle persone che sono connesse online produce contenuti per il restante 99%?

Ecco spiegato l’illusionismo del web.

Non hai ancora compreso cosa c’entra l’illusionismo con il web?

Prova a riflettere;

Se solo l’1% delle persone produce contenuti per la restante parte della “massa”, significa che solo l’1% di tutto l’universo web può generare consensi e quindi orientare il pensiero.

Ti sembra una cosa banale?

E se ti dicessi che dentro questa piccola percentuale si costituiscono i “poteri commerciali” del web?

Credi sia solo un’esagerazione o cominci a riflettere sul perché le persone cercano di “costruirsi” il proprio “personal branding”?

Catturano la tua attenzione attraverso un illusionismo.

No, non è un gioco e non sto scherzando.

L’illusionismo è la capacità di saper distogliere l’attenzione nei modi e nei tempi esatti affinché il pubblico spettatore possa osservare solo parte di tutto il processo.

Non si tratta di una vera e propria truffa, piuttosto è un sistema per confondere le idee e rendere l’interlocutore più “debole”.

Esempio pratico;

Se io costruisco un portale web per spiegare “come si vende online“, cosa credi che voglia fare?

Darti solo gli strumenti “gratuiti” per farlo in autonomia o condizionarti nel chiedermi aiuto a pagamento?

Bravo! Hai capito.

Sì, certo a questo ci eri arrivato pure tu.

Tu non sei tonto come gli altri, tu sai capire chi hai difronte. Sì certo.

Mettiamo, però, che io sia bravo nel fornire un’informazione corretta e che non sia solo nel portare avanti il mio progetto. Quante persone saranno realmente in grado di superare la mia “visibilità” attraverso un loro sito web?

Se sapessi come conquistare la SERP di Google nei punti deboli, e ti assicuro che sono in grado di farlo, quanta reale concorrenza pensi che possa avere?

Ti aiuto io, la risposta è: molto scarsa!

Ricapitoliamo:

Io costruisco un progetto digitale che vuole essere un punto di riferimento per “aiutare a vendere online“.

Il mio progetto è portato avanti da una squadra di persone che mi aiutano a generare un passaparola “positivo” intorno.

Riesco in maniera controllata a conquistare la SERP di Google per le chiavi di ricerca che più mi interessano e che mi permettono di ottenere il maggiore traffico di lettori.

Mi faccio presente negli eventi “popolari” e costruisco il mio personal branding aiutato da una  rete di collaboratori che “pago” per generare fiducia nei miei confronti.

Quanto pensi ci possa mettere nel conquistarmi la fiducia da parte della maggioranza di persone che vogliono iniziare a vendere online?

Ti do un riferimento temporale, potrei farlo in meno di 36 mesi.

Sono tanti?

Dici?

Prova tu a mettere in piedi un’attività commerciale e conquistarti una fetta di mercato in 36 mesi.

 

In cosa consiste l’illusione.

L’illusione consiste nell’ essere riuscito a costruirmi una credibilità senza aver bisogno di passare da “garanti” che certifichino la mia reale capacità.

Il mio garante è la “rete” di persone che si fidano di me grazie a sistemi di “fidelizzazione” non certificati e non autorizzati.

La mia capacità di costruire credibilità, utilizzando gli strumenti che il web offre, mi permetterebbe di ottenere consensi.

Una volta, per essere credibili bisognava scrivere su riviste scientifiche, avere il plauso dai baroni che ne validavano le modalità.

Oggi non è più strettamente necessario passare da questi circoli viziosi, basta semplicemente essere dei bravi illusionisti e saper manipolare il consenso.

Qual è il rischio di tutto questo?

Il rischio sta nella speculazione che questo sistema comporta.

Riuscire a costruire una credibilità senza essere davvero bravi nel produrre risultati distribuiti, ma agevolando solo i propri affari, genera un vortice di malcontento e mette in circolo un sistema malato.

Hai presente cosa accadde con la mucca pazza?

I produttori che vollero speculare pompando il mangime per generare maggiore massa commercializzabile, crearono un circolo di carne da macello malata ed immangiabile, tanto da svalutarne per un periodo il prezzo totale di tutto il resto della carne messa in circolo.

Il sistema è lo stesso.

Essere dei bravi comunicatori è certamente una dote apprezzabile ed utile per il commercio.

Usare questa dote per fini speculativi diventa rischioso, se poi non si è in grado di produrre qualcosa di valore condiviso.

L’illusionismo è un modo di operare pericoloso se non lo si sa controllare e si forza troppo la mano.

Ritornando all’esempio di prima;

Non ci sarebbe nulla di sbagliato nel “saper costruire” la propria notorietà avendone la preparazione.

Il web facilita le cose e ci rende tutti un po’ più liberi nell’operare senza dover per forza passare da circoli nauseabondi.

Il problema nasce quando questo sistema ci prende la mano e non badando agli interessi della collettività si forza il gioco per gonfiare le proprie tasche a discapito di chi, in maniera illusoria, si è fidato non avendo le capacità di valutarne le reali competenze.

Come distinguere gli illusionisti dai cialtroni.

Un illusionista che sa comunicare bene e sa produrre risultati è una persona che ha scelto di usare il web per lavorare.

Questa persona non è malvagia, anzi, ti dimostra praticamente a cosa serve saper comunicare bene e come si possono ottenere i risultati attraverso l’uso di una buona comunicazione e gli strumenti di analisi per studiare il tuo pubblico.

Se atterri su un sito web curato, che comunica bene, le persone che lo stanno curando hanno certamente una minima preparazione per darti una mano.

Cosa si nasconde spesso dietro questa prima illusione

Oltre la buona comunicazione e la capacità di farsi raggiungere, è necessario dimostrare fiducia e correttezza.

Per cui, come consiglio, ti invito a chiedere al professionista che sta dietro il sito, quali garanzie può offrirti e in che modalità può assisterti.

Ti suggerisco di essere chiaro e trasparente fin da subito sulle condizioni.

Un ciarlatano cercherà di assicurarti la luna e dimostrarti successi che a te non dicono nulla.

Se ti dico che ho 100.000 fan sulla mia pagina Facebook a te che vantaggio offro?

Diverso è se ti dico che con i miei 100.000 fan posso dimostrarti, in maniera tracciabile, quanto questi siano utili nel farmi fatturare o vendere i miei prodotti e servizi.

Se ti dico che ho la certificazione di Google Adwords, ma non posso dimostrarti come questo dato può esserti utile, a te che vantaggio offro?

Se ti dico che i miei post sono letti da migliaia di persone, ma non so dimostrarti quanto questo si concretizzi in risultato economico, a te cosa importa?

Se ti dico che sono un foodblogger, ma poi non riesco a dimostrarti come la mia professione può portare dei risultati tangibili per la tua impresa, per i tuoi affari che beneficio offro?

Illusione o concretezza.

Tu cosa preferisci?

Perché ti voglio mettere in guardia?

Non mi interessa dimostrarti che sia più bravo di altri o meno, sarai tu a giudicarlo se lo riterrai necessario.

Il vero motivo per cui aiutare le persone come te a distinguere i cialtroni da quelli che sanno fare bene il loro mestiere è che facendolo si aiuta ad avere maggiore fiducia e produrre più redditività per tutti.

Se più professionisti che lavorano attraverso il web dedicassero parte del loro tempo nel divulgare le azioni positive che sono possibili attraverso il web, ma anche le azioni su come difendersi dai cialtroni,  tutti potremmo beneficiarne.

Non è facile comprendere i vantaggi di questo modo di fare, dai più è considerato un sistema inutile, perché si ritiene che ognuno di noi sia in grado di sapere giudicare e criticare in maniera sufficiente da non cadere in inganno.

Lo pensavo anche io, fino a quando non ho visto aumentare i casi di truffe ai danni di persone come te che, prese dall’entusiasmo di avviare un’impresa online, si sono fidate di persone “impreparate” investendo male i loro soldi.

Questo produce sfiducia nel web, come sistema in cui operare, e facilita la credenza che chi lavora con il web sia banalmente qualcuno con qualche nozione tecnica informatica per costruire strumenti digitali;

Crea una deflazione dei prezzi per le professioni web e facilita la tendenza ad operare autonomamente sperando che qualche corso o libro tematico possa sostituire il lavoro di un professionista digitale.

Se ti fa piacere discutere su queste tematiche, scrivici.

Credit Image @unsplash.com

Supposte correlate: