Invidia online e Social Media Invidia

Invidia online e Social Media Invidia

2015-02-13 1 Di Davide Puzzo

Provi invidia online?

Abbiamo tutti quell’amico, o quegli amici che hanno Instagram e Facebook con profili da “morire”. Sembrano avere la migliore vita, che eccita … abbastanza per farvi verde d’invidia. Le vacanze, gli impegni, i bambini o qualunque cosa sia, ha la capacità di farci interrogare. Dopo tutto, noi siamo creature di confronto.

L’invidia online

invidia e rabbia online

In molti modi, i social media hanno dato accesso all’invidia e aumentato la nostra tendenza a giudicare e confrontare la nostra vita con gli altri, dandoci un feed costante dei nuovi stati di relazione, di posti di lavoro, i bambini, viaggi e successi che i nostri amici e conoscenti stanno incontrando.

Questa proliferazione di “vita perfetta” può avere gravi, effetti a lungo termine su molti, soprattutto quelli che sono giovani e impressionabili. Secondo recenti studi di psicologia, una persona su tre si sente più insoddisfatta della propria vita dopo aver trascorso il tempo sui social media. Foto di altre persone possono anche causare dolore emotivo e risentimento.

Quindi qual è la realtà dietro “il-morire-per” i post e come possiamo liberarci dell’invidia online? Ognuno di voi l’ha sperimentata e probabilmente l’ha anche causata. Perché? Perché siamo molto meno propensi a postare una foto di bagno degli uomini alla stazione degli autobus che quando siamo arrivati all’impressionante, fantastico hotel dopo che siamo scesi dall’autobus. No, non sto insinuando che guidate un autobus. 🙂

E’ facile guardare i profili di altre persone e pensare che sembrano così fredde, così divertenti, così belle, così perfette. Ma la verità è che questi tipi di profili sono il prodotto, il frutto di aver messo in un sacco di tempo, impegno, e la strategia per creare quell’immagine.

La verità social

In poche parole non è la storia completa. La tua amica Maria può far apparire come lei e suo marito si bacino sempre, siano sempre sorridenti, e imboccandosi a vicenda cioccolatini. Ma è al 150% garantito che questa non è la realtà. Certo, può essere qui e là, ma non è 24/7. Lei non pubblica, ovviamente la rissa che aveva avuto 3 ore prima, quando le lanciò un pomodoro alla sua testa. Il bacio che ha postato era semplicemente un bacio make-up. Tutto può essere preso fuori da un contesto molto più grande di quanto si pensi.

La nostra visuale: il social posting mondiale guidato è costituito da semplici istantanee di porzioni della nostra vita. Nonostante posto tutto, dalle vacanze di lusso alla sosta in autostrada, anche io so di aver causato l’invidia online senza nemmeno rendermene conto. Ad esempio, in estate, quando ho più tempo per i viaggi ho inevitabilmente degli amici che dicono “caxxx voglio la tua vita, tutto ciò che fai è viaggiare. Non hai mai da lavorare? “La verità è che faccio un paio di viaggi di un breve periodo di tempo. Gli altri 11 mesi e mezzo dell’anno il mio viaggio consiste nel trascinare il culo dal letto alla mia scrivania dell’ufficio.

Più persone sono diffidenti dal dire che stanno lottando o che pubblicano la qualsiasi cosa di “debolezza” sui loro social media. Perché? Le stesse paure umane che abbiamo sempre avuto. Rifiuto, mancanza di accettazione. Questo ci riguarda profondamente, poiché ci può anche impedire di avere veramente rapporti profondi con gli altri. Se non siamo disposti a far cadere la facciata online, poi è altamente improbabile che la faremo cadere quando vediamo i nostri amici. Si diventa una “persona” viziosa con cui dobbiamo vivere fino allo sfinimento.

Sei senza difetti, perfetto!

Un’altra parte invidiabile dei social media è che le persone possono apparire incredibili! Tra filtri e applicazioni, che possono cambiare il colore degli occhi e anche allungare il vostro corpo rendendovi più alti, si può essenzialmente diventare un modello di copertina con il proprio iPhone. Ma, la gente lo ammette? Raramente.

A volte è ovvio, ma non sempre. Vedere, sui social, qualcuno che appare ridicolo ma sui social è molto di più è sorprendente e può lasciarci meravigliare,  perché non lo siamo pure noi quel molto di più? Indovinate un po, potete! Basta avere le applicazioni giuste! Tenere tutto anche in prospettiva. Sì, è divertente per migliorare il nostro aspetto, ma siamo tutti già bellezze. (Sì, sto parlando con te). Mantenere un sano aspetto e non la prendere troppo sul serio quando si vede la pelle perfetta del tuo amico/a e il perfetto broncio. Angoli e filtri sono la chiave per passare da strega esausta a top model sensazionale.

Non sto dicendo che i tuoi amici su Facebook siano tutti così, ma sto dicendo che c’è una possibilità. In sostanza, le persone possono condurre una vita falsa sui social media. Ad esempio, non c’è bisogno di essere in una posizione fisica per il check-in da qualche parte su Facebook o qualsiasi di queste altre piattaforme.

Posso essere sdraiato nel mio letto a Roma e fare il check-in in un nightclub hot a Las Vegas. Ancora una volta, non sto dicendo che questa è la norma, perché la maggior parte delle persone hanno davvero altro di più importante da fare, ma è possibile. Il punto è, ancora una volta, non prendere tutto così seriamente.

Distruggere l’invidia online

Essere una creatura di confronto non è necessariamente una cosa negativa. Non è un segno necessario per ottenere un abbonamento annuale dal vostro terapeuta locale. Confrontare è semplicemente una cosa che facciamo come esseri umani per capire meglio noi stessi e la nostra vita.

Creare la nostra immagine e la progettazione di noi stessi non è nulla di nuovo. Dopo tutto, pensare a tutte le persone, negli occhi del pubblico, che pagano altre persone, un sacco di soldi, per progettare la loro immagine. Ricordate quando Britney Spears era “vergine?” Giusto a caso. Hanno lavorato d’immagine. In sostanza tutti abbiamo la possibilità, adesso più che mai, per lavorare sulla nostra immagine utilizzando la tecnologia. Questo è abbastanza potente quando ci pensi.

Come riveliamo noi stessi, dà un senso della propria identità personale, di cui siamo tutti alla ricerca. Abbiamo solo bisogno di concentrarci sul fare questo in modi che ci fanno sentire bene.

Il fatto stesso che qualcuno si è sposato prima, ha avuto più figli, ottenuto promozioni, tonificato il proprio corpo o viaggiato per fughe esotiche, può apparire immensamente importante per noi ora, ma tali percezioni sono miopi e non ti devono guidare nella fossa dell’invidia. La maggior parte delle persone non pubblicano le loro insidie, malattie, problemi e le paure sui social media. Se tutti lo facessero, allora probabilmente non vorresti indossare le scarpe della maggior parte delle persone di cui hai avuto invidia online.

Ricordati che quello che si vede su Instagram, Facebook, Pinterest o simili non è una piena rappresentazione della vita di nessuno. Ricorda che puoi ridimensionare l’accesso ai social media in qualsiasi momento. Prenditi una pausa. Mantieni le cose in prospettiva. Forse non dovresti accedere per controllare il tuo feed 10-20 volte al giorno (in media). Se trovate le vostre cerchie di social media, facendovi diventare scintillanti orge di cospicuo consumo, fatevi una risata. Oppure posta, ogni tanto, anche cose povere e alla portata, sarai più gradito dalla gente.

Il social media marketer

Bene, sta costruendo l’immagine di se o sta pagando qualcuno per costruirla. Nel frattempo scrive libri e apre siti blog per poter dire che lui/lei è un grande e tu no. E miscelando tutte le app di ritocco, aggiungendo slogan scritti sopra le sue immagini, facendosi selfie a tutti i principali eventi del suo settore (anche se ne era solo visitatore e non protagonista, non si sa come ma viene visto sempre come protagonista) riesce ad essere seguito da diversi followers e su diversi socials.

Ma dato che ha tutti questi followers, quando fa campagne Facebook ads… non sarebbe meglio toccare il pubblico sulla sensibilità personale (proprio come fanno i social)? No, tanto l’ads mi dice reach 500.000 faccio il mio solito banner più compro qualche mi piace e poi? Peccato ottieni solo 19.000 di reach effettivo e poca conversione.

Forse esistono metodi migliori per ROI migliori? Direi nettamente di si… Forse il SMM è l’invidioso online numero uno.

Quali sono i tuoi consigli per evitare l’invidia online?

 

Supposte correlate: