Parla in modo sensato di web a uno stolto e ti chiama stupido

Parla in modo sensato di web a uno stolto e ti chiama stupido

2014-11-17 0 Di Alessandro Vitale

Tra gli addetti ai lavori, capita spesso, che si cerchi di definire il “mondo” digitale…

Parla in modo sensato di web…

La prima sensazione che si ha, dall’esterno, è che tutti, pur parlando della stessa cosa “oggettiva”, facciano riferimento a cose differenti per natura.

È chiaro, sono punti di vista. Esperienze diverse, un mondo in continua evoluzione come il “digitale” non è classificabile per “categorie”, non è possibile “etichettarlo” e ridimensionarlo, potenzialmente la sua evoluzione è “senza limiti” e senza “confini semantici”. Il Web è come l’etere. Esiste se lo si percepisce.

Ragionare su estremismi di fazione o di contrapposizione, non porta a nulla.

eyes web illusionsCome in tutti i settori, esistono punti di vista convergenti e punti di vista divergenti, ma se si parla in modo sensato di web a uno stolto e quest’ultimo ti definisce “stupido”, c’è qualcosa che non torna.

La soluzione migliore sarebbe una maggiore consapevolezza digitale che nel nostro paese manca.

L’illusione che tutti sanno o che ci sia chi sa più di altri, non è cultura digitale, non è affatto il modo migliore per “distribuire” una cultura fatta di evoluzioni continue, all’ordine di settimane, giorni, aggiornamenti anche di poche ore.

Editoria tradizionale, evoluzione Digitale

Quella che è la cultura letta, fissata su modelli statici come un libro, non possono parlare di un futuro che si scrive già nel mentre io sto scrivendo questo articolo.

Differisce l’imprenditoria editoriale che, a sua volta, è definibile in sistemi di letteratura di impresa che nulla hanno a che vedere con la diffusione di cultura digitale.

Non c’è peggior mostro di quanti, ai giorni nostri, impongono a loro stessi e chi li segue, in modelli bloccati e finalizzati solo a una collocazione imprenditoriale basandosi su una editoria tradizionale.

Se pure con una logica dettata da una sottocultura, dai social network, è quasi diabolico leggere libri cartacei in un mondo che dovrebbe poter parlare in maniera diretta e univoca di solo digitale, raccontando il presente, guardando il futuro.

Il contraddittorio come strumento di verifica e auto-critica

La qualità è nascosta nel contraddittorio, nel contro corrente, nella contrapposizione etica e rispettosa dell’altrui visione, nell’esclusiva e mai abbastanza “scema” da non capire la fase storica in cui avviene.

Ci sei? Sei Connesso? Allora… buona lettura!!

Supposte correlate: